Articolo letto 206 volte!

CINE&PIZZA 2017 SPECIALE GIAPPONE

Venerdì 3 marzo, ore 20,00

S’ALZA IL VENTO

di Hayao Miyazaki

Prima della proiezione, breve introduzione all’arte cinematografica delle ANIME giapponesi.

POSTI DISPONIBILI: 30

Si alza il vento (風立ちぬ Kaze tachinu) è un film d’animazione del 2013 scritto e diretto da Hayao Miyazaki e prodotto dallo Studio Ghibli. È una sorta di film biografico, ma fortemente segnato da elementi onirici, sull’ingegnere aeronautico Jirō Horikoshi (1903-1982), inventore del Mitsubishi A5M e del suo successore Mitsubishi A6M Zero, utilizzati dall’Impero giapponese durante la seconda guerra mondiale ed è tratto dal manga Kaze tachinu, sceneggiato e disegnato dallo stesso Miyazaki nel 2009, a sua volta ispirato al romanzo Si alza il vento di Tatsuo Hori.

Presentato in concorso alla 70ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, fu il più grande successo del 2013 al botteghino giapponese e venne acclamato dalla critica cinematografica mondiale. Inoltre venne candidato a numerosi e prestigiosi riconoscimenti, come l’Oscar al miglior film d’animazione, il Golden Globe per il miglior film straniero e il premio della Japanese Academy nella categoria animazione dell’anno.

Nel Giappone del 1918, Jirō Horikoshi, un ragazzino di provincia, spera di diventare un pilota d’aereo, ma la sua miopia glielo impedisce. Ispirato da una rivista d’aviazione, Jirō sogna il famoso progettista d’aerei Caproni, che gli fa capire quanto costruirli sia meglio che farli volare.

Cinque anni dopo, Jirō prende un treno diretto a Tokyo per studiare ingegneria e a bordo incontra una ragazza di nome Nahoko che viaggia con la domestica. Durante il viaggio, un devastante terremoto costringe il treno a fermarsi e semina distruzione tutto intorno, la domestica si spezza una gamba e Jirō corre in suo aiuto trasportandola in spalla vicino alla casa di famiglia di Nahoko; risolta l’emergenza, il ragazzo se ne va senza lasciar detto il suo nome.

Finiti gli studi, Jirō inizia a lavorare allo stabilimento della Mitsubishi e viene assegnato a un team di progettisti di aerei da caccia. Su mandato dell’azienda, si reca in Germania per acquisirne le tecniche di costruzione e per ottenere la licenza di produzione di un aereo Junkers. Sogna ancora Caproni, che gli spiega quanto il mondo sia migliore grazie alla bellezza degli aerei, anche se gli esseri umani li usano come armi di distruzione.

Nel 1932 Jirō viene promosso a ingegnere capo per la progettazione del Mitsubishi 1MF10, un caccia monoplano imbarcato per la marina militare, ma il progetto fallisce miseramente. Deluso, visita un luogo di villeggiatura estiva e qui incontra di nuovo Nahoko. I due si fidanzano, ma la ragazza, che ha la tubercolosi, si rifiuta di sposarlo fino a quando non sarà guarita…

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA, MAX 30 POSTI: via MODULO ONLINE o telefono: 392 8349631 (sms, Whatsapp)

Contributo per cibo e bevande: 10,00 € NON SOCI; 8,00 € SOCI Punto a Capo Onlus; 5,00 € minori di 12 anni.

Preghiamo tutti di essere puntuali e di presentarsi entro le 20.00, per non fare tardi ed iniziare puntuali. Grazie.

Come sempre vi ricordo che i fondi raccolti, tolte le spese, serviranno a finanziare le attività della nostra onlus ed essendo donazioni liberali, possono essere detraibili.

Articoli simili
Latest Posts from Punto a Capo Onlus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *