2013. Pasquetta con noi: gita a Fumone, paese di Celestino V e di fantasmi!

2013. Pasquetta con noi: gita a Fumone, paese di Celestino V e di fantasmi!

26 Marzo 2013 0 Di puntoacapo

Hits: 34

castello fumoneSe a Pasquetta non sapete ancora che fare, il tempo sarà variabile e non permetterà la solita scampagnata, fate un pensierino a venire con noi, nella prima gita di questo 2013. Destinazione Fumone, un paese medievale arroccato della Ciociaria, ricco di storia, misteri e buona cucina!

Noto per essere stato luogo di prigionia per papa Celestino V dopo la rinuncia di questi al pontificato, ha un castello ove ancora oggi risiede la famiglia dei Marchesi Longhi De Paolis che dal 1990 lo ha aperto al pubblico. Il castello, dove il Papa scontò la sua pena e fu assassinato, è interamente arredato e custodisce, oltre alle sale nobiliari, oscuri segreti.

Luogo suggestivo e misterioso, il Castello di Fumone fu sede dall’XI secolo di una piccola prigione della Chiesa, tristemente nota per le condizioni disumane in cui versavano i detenuti e per le torture che vi si praticavano, famosa come sede della prigionia di Celestino V è da sempre custode di segreti, secondo la leggenda Celestino V fu assassinato nella rocca, per volere del nuovo papa Bonifacio VIII, mediante un chiodo conficcato nel cranio. Il fantasma di Celestino si farebbe sentire battendo dei colpi contro le pareti della sua cella, forse a ricordo del terribile supplizio subito.

Schermata 2013-03-26 alle 11.14.34

Una tra le più spaventose vicende del castello, narra la triste e macabra storia del “marchesino”, avvenuta nel XIX secolo. Ultimo fratello dopo sette sorelle, il piccolo Francesco Longhi, quale primo figlio maschio, avrebbe avuto in eredità tutti i beni di famiglia. La tradizione vuole che le perfide sorelle, invidiose e per nulla intenzionate a perdere le proprie ricchezze decisero che l’odiato fratellino doveva perire. Lo uccisero giorno dopo giorno mettendo quotidianamente nella sua scodella minuscoli pezzetti di vetro. In breve tempo comparirono i primi dolori che divennero via via più atroci, sino a trasformarsi in una lenta e terrificante agonia: morì alla tenera età di cinque anni.

La madre, allora, straziata dal dolore causato dalla perdita di quel figlio tanto atteso ed amato, ordinò, disperata e delirante, che le sue spoglie fossero imbalsamate con la cera e poste in una teca di cristallo. Tuttora non è chiaro il metodo usato per la mummificazione, ma si sà che il dottore che praticò la mimmificazione morì subito dopo il lavoro in circostanze oscure. Oggi è possibile vedere la mummia del piccolo dato che è esposta al pubblico.

Nel castello il fantasma dell’inconsolabile marchesa Emilia Caetani Longhi si fa spesso “sentire” ogni notte, si reca a trovare il piccolo Francesco e a consolarlo prendendolo in braccio e dondolarlo tra nenie e lamenti. Si dice che lo stesso “marchesino” non abbia abbandonato il castello, e che il suo spirito si agiri dispettoso nascondendo e spostando oggetti.

Schermata 2013-03-26 alle 11.14.42

C’è chi afferma di aver udito saltuariamente dai sotterranei le urla e i gemiti degli spettri dei prigionieri dei sotterranei, la cui anima, dopo la tormentata esperienza terrena, non trovò mai riposo.

Lo stesso paese, di soli 2.000 abitanti è un piccolo gioiello e, neanche a dirlo, si può gustare la tipica cucina ciociara.

Per chi fosse interessato a partecipare, si metta in contatto con noi via mail o telefono (392 8349631), l’appuntamento è alle ore 9.00 davanti all’associazione, in Piazza Matteotti, lunedì 31 marzo. Lo spostamento è con mezzi propri, se non avete un passaggio, specificatelo e cercheremo di organizzare le auto, ovviamente si dividerà il costo della benzina e dei pedaggi. La gita si farà anche se pioverà, tanto le visite ed il pranzo sono al chiuso. Se il tempo reggerà prevediamo anche un giro al Lago di Canterno.

Il pranzo si effettuerà presso una locanda a Fumone. Il costo del biglietto per il castello è di 10,00 euro. Per il pranzo vi farò sapere nei prossimi giorni costi e menu, visto che sono in attesa della risposta. Accettiamo prenotazioni fino a giovedì sera.